Gerusalemme - Basilica del Santo Sepolcro - Santo Sepolcro

Cari amici bloggers,

in occasione delle Sante festività pasquali, desidero formulare, a voi ed ai vostri cari, i migliori auguri per una Serena Pasqua e voglio farlo in modo particolare condividendo, con voi tutti, le immagini tratte dalla mia escursione in Terra Santa durante la recente Grande Crociera dal Mar Rosso con Costa Allegra.

Betlemme - Chiesa della Natività

Betlemme - piazzale antistante la Chiesa della Natività

Una delle tappe che ricorderò particolarmente, durante la mia recente crociera, è stata la tappa nel porto israeliano di Ashdod da cui siamo partiti, in escursione, alla scoperta di Betlemme e Gerusalemme.

Piccola curiosità: per evitare che ci venissero impressi timbri israeliani sul passaporto (che non sono graditi a particolari paesi) ci è stata fornita una carta bianca, riportante i nostri dati anagrafici, che riportava i timbri di ingresso ed uscita dal Paese e doveva necessariamente accompagnare il passaporto. Al momento della partenza da Ashdod, la carta ci è stata ritirata dalle autorità israeliane.

Betlemme - Basilica della natività - interno

Betlemme - Basilica della natività - interno

Tornando all’escursione, la prima tappa è stata in un negozietto di souvenirs dove ho potuto comprare qualche ricordino da portare con me: ho trovato molto interessanti dei sacchettini trasparenti contenenti un po’ di terra santa di Betlemme ed un piccolo crocifisso in legno. Facile da trasportare, gradito per chi lo riceve. Ho poi comprato anche degli olii balsamici simili a quelli utilizzati dalla Maria Maddalena sul corpo di Cristo ed un piccolo candelabro ebraico a 7 fiamme.

Dopo questa sosta ci siamo recati a Betlemme dove abbiamo visitato la chiesa della Natività.Purtroppo non abbiamo visto il punto esatto in cui si narrà sia nato Cristo, anche perchè il programma non lo prevedeva, però alcuni gruppi ci sono andati ugualmente anche perchè non c’era molta gente!

Adiacente alla Chiesa della natività sorge una chiesa più moderna intitolata a S.Caterina ed un convento francescano.

Chiesa di S.Caterina - interno

Betlemme - chiostro medievale francescano

Dopo la tappa a Betlemme, c’è stata la sosta per il pranzo consumato al buffet di un hotel di lusso a base di specialità locali, molto deliziose: una sorta di stufato di carne speziato, degli antipasti a base di verdurine croccanti ed anche dolci a volontà!

Successivamente ci siamo recati a Gerusalemme che è una città immensa: i suoi quartieri si sviluppano su diverse alture da cui è possibile scattare foto panoramiche molto suggestive.

Gerusalemme ci ha portato a visitare la Chiesa del Getsemani, il Monte degli ulivi, parte della via dolorosa, il muro del pianto e la Basilica del Santo Sepolcro.

Panoramica di Gerusalemme

Chiesa del Getsemani o Chiesa dell'agonia

Chiesa del Getsemani - giardino degli ulivi

Io credo che aldilà della Fede di ciascuno, visitare determinati luoghi ci porti inevitabilmente a porci delle domande…ecco io ora non sono qui a fare la predica, però posso dire che è stata un’emozione molto forte poter visitare e calpestare questi luoghi che ho avvertito pervasi da un’atmosfera mistica e sacra e, credetemi, non era suggestione!

Particolare giardino pubblico

Panoramica di Gerusalemme - Chiesa del Getsemani

Dopo la tappa al Getsemani, ci siamo addentrati nella Gerusalemme vecchia che è circondata da vecchie mura: una di queste è il muro del pianto suddiviso in due sezioni ovvero quella maschile e quella femminile.

Particolare fessura del muro del pianto

Gerusalemme - muro del pianto

L’escursione ci ha permesso di percorrere una parte della via Dolorosa, che ripercorre la via Crucis percorsa da Cristo: ci sono anche le diverse stazioni. La Gerusalemme vecchia è un dedalo di vicoletti dal sapore musulmano, e questo non deve sorprendere perchè Israele è una terra dove convivono diversi ceppi: cattolici, cristiani, musulmani, ebrei…

Gerusalemme - Via Dolorosa

Gerusalemme - Chiesa lungo la Via Dolorosa

Gerusalemme - la Via Dolorosa

L’escursione si è conclusa con la visita alla Basilica del Santo Sepolcro che racchiude diversi punti di interesse tra i quali il Santo Sepolcro, per l’appunto, ovvero dove il corpo del Cristo sarebbe risorto: abbiamo avuto la fortuna di potervici entrare, sebbene il programma non lo prevedesse, anche perchè la fila era breve. La porta di ingresso è bassa per cui bisogna piegarsi in due per entrare. Appena dentro c’è una sorta di anticamera da cui, attraverso un’altra porticina bassa, si entra in quello che è il Santo Sepolcro con il sudario di marmo ove si dice sia stato adagiato il corpo del Cristo. Non ho potuto scattare fotografie, ma posso assicurarvi che sono stati pochi minuti (per consentire lo scorrimento della fila) di intensa emozione che mi son sembrati un’eternità, tanto ho voluto gustarli…che bello!

Gerusalemme - Basilica del Santo Sepolcro - esterno

Gerusalemme - Basilica del Santo Sepolcro - interno

Altri punti di sicuro interesse, all’interno della Basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme sono: il punto dove fu poggiata la croce con il corpo del Cristo ed il punto dove il corpo esanime del Cristo fu trafitto al petto da una lancia per assicurarsi che fosse morto. Chiedo scusa per la qualità delle fotografie ma non ho potuto fare di meglio.

Punto in cui fu poggiata la croce del Cristo

Punto in cui fu trafitto il corpo del Cristo

Io penso che almeno una volta nella vita, avendone l’opportunità e la possibilità, sia opportuno recarsi in visita in questi luoghi e riflettere, ripeto, aldilà del Credo di ciascuno che non sono qui a sindacare o giudicare in alcun modo.

Nel ringraziarvi per l’attenzione, con queste particolari immagini dela Terra Santa, rinnovo a voi tutti gli auguri per una Serena Pasqua e vi ricordo il post della nostra amica Crus…ing!!! “Memorie dal ritorno in Terra Santa” dove potrete trovare ulteriori immagini e leggerne le impressioni raccontate dalla protagonista.

A presto!

P.S. Che programmi avete per Pasqua e Pasquetta?Crociere?

Condividi!