Opera della collezione di arte fiamminga, corridoio.

Ed eccoci ad un nuovo appuntamento dedicato alle navi da crociera: questa volta parleremo della Costa Europa, una nave che ha avuto una storia, una vita ed un destino molto particolari…

Collezione di arte rupestre

Bar Delo

La nave fu costruita nel 1986 per la Compagnia Home Lines, e fu battezzata con il nome Homeric; non a caso i nomi dei suoi ponti rievocano figure e miti della Grecia Antica: Hercules (Ercole), Auriga, Cassiopea, Orione, Perseo, Andromeda, Pegaso, Sirens (Sirene) e Centaurus (Centauri).

Particolare statua

Particolare collezioni di bordo

Nel 1988, la nave fu venduta alla Compagnia Holland America Line che la sottopose a lavori di allungamento: fu aggiunto un troncone centrale per aumentarne la capacità. Entrò quindi in servizio con il nome di Westerdam. Se la si osserva esternamente, di lato, si noteranno al centro degli oblò cabina più grandi rispetto agli altri: ecco quello è il troncone aggiunto.

Dipinto della collezione di arte fiamminga di bordo, corridoio

Particolare dipinto della biblioteca

Nell’anno 2002, poi, dopo un radicale rinnovamento degli interni, passo alla Compagnia Costa Crociere, che aveva programmato un progressivo ampliamento della propria Flotta. Entrò quindi in servizio con il nome di Costa Europa.

Galleria Shops

Bar Ocean

Nell’anno 2006, Costa Crociere, intervenne nuovamente sugli interni della nave; in particolare fu abolito il Cinema Orfeo al ponte 11 per ricavarne 6 esclusive e lussuose Gran Suite dotate di balconcino privato. Da quel momento tutte le navi della flotta Costa erano dotate di balcone privato.

Gran Suite - soggiorno

Gran Suite - soggiorno

Gran Suite - soggiorno e ingresso

Gran Suite - camera da letto

Gran Suite - balcone privato

Nell’anno 2008, a novembre, Costa Crociere posizionò la nave nell’Oceano Indiano per un stagione di itinerari inediti ed interessanti alla volta di Mauritius, Seychelles e Madagascar. Prima della crociera di posizionamento, la nave fu impiegata per una minicrociera nel Mediterraneo. L’ultima notte di navigazione, da Ajaccio a Savona, un mare tempestoso ed un vento pazzesco misero a dura prova la nave che subì diversi danni (vetri e specchi rotti, tv e frigobar staccatisi e caduti per terra…etc.etc.). Io mi trovavo a bordo…

Biblioteca

Biblioteca

biblioteca

Anno 2010: la Costa Europa, impegnata in crociere tra Savona e Dubai, urta violentemente la banchina del porto di Sharm el Sheik. Nell’incidente perdono la vita 3 membri dell’equipaggio tra i quali il parrucchiere di bordo e due marinai. Gli ospiti vengono sbarcati e fatti rientrare in aereo. Le successive crociere vengono cancellate.

Bar Ocean

Costa Europa in notturna, dal balcone della Gran Suite

 Nell’aprile del 2010 viene formalizzata la cessione della nave (programmata ampiamente prima dell’incidente occorso a Sharm el Sheik) alla Grand Cruises Investments che la noleggia alla Compagnia TUI UK Limited (Thomson). Attualmente la nave è in servizio con il nome di Thomson Dream ed è l’ammiraglia della flotta Thomson.

Tuttavia la nave continua ad avere grossi problemi idraulici con esondazioni dai water delle cabine. Personalmente sperimentai queste esondazioni dalla vasca idromassaggio del bagno della Gran Suite e per fortuna…non erano acque nere!

Direi una storia piuttosto travagliata, che ne dite?Conoscete la Costa Europa? Siete mai stati a bordo? Quali le Vostre esperienze? Raccontateci…con un commento!

Condividi!